IGNOTA GIOIA

E ‘primavera sulla tua pelle,
perché non hai freddo quando chiamo.
Tu sei la molla che manca di modestia
nell’essere nudi quando mi sono vestita.
Sono autunno quando tutto cade
quando non stai alimentando la mia pelle.
Tu sei la primavera,
immerso in bozzoli che scoppiano fuori dal tempo.
Io sono l’estate.
Quelle forme di tramonto,
con perfetta sintonia di ricordi di momenti imperfetti.
Quale sarà la primavera, che mi fa sussurrare ti amo.
Un giorno ti dirò che quello che abbiamo creduto aceto
è pronto per essere bevuto, dalle stesse labbra,
e mai separatamente.
E vivere le immagini che ho scattato con la mia testa.
Tu un uomo che accarezza la mia pelle e con le sue mani,
scrive poesie,che si interpretano i segni con i movimenti delle sue labbra.©
“varie liriche non in ordine”
ALLEGRA GIOIA

ALLEGRA GIOIA

IGNOTA GIOIAultima modifica: 2017-06-26T16:33:48+00:00da allegra.gioia
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.